13
[GUIDA] [ITA] OnePlus 3: Bootloader, custom recovery, root, backup, partizione EFS, tool

  1. SteakHutzee Oct 11, 2016

    SteakHutzee, Oct 11, 2016 :
    Noi italiani siamo degli scansafatiche, accettiamolo. Non abbiamo voglia di tradurre, meglio aspettare che lo faccia qualcuno :p
    Questa volta lo faccio io, direttamente dal thread di @Funk Wizard e @Naman Bhalla a cui vanno i meriti del thread originale. Ho comunque modificato in parte il thread (l'originale consiglia di mettere tutto sul desktop) e aggiunto un tool per lo sblocco del bootloader (scorciatoia più pratica ma meno propedeutica all'apprendimento di ciò che si sta facendo sul terminale).
    Detto questo, cominciamo ;)

    Informazioni

    Rootare questo dispositivo è in realtà un processo abbastanza semplice e facile. Prima di iniziare, si consiglia di almeno provare a capire ciò che si farà in ogni parte del processo. Sebbene questa guida allunghi ogni passo per mostrare tutti i dettagli, il metodo utilizzato può essere suddiviso in 3 fasi principali: Sblocco del Bootloader, Installazione di una custom recovery e, infine, il root. Ogni passo si basa sul fatto che sia stato completato il precedente, e si possono sintetizzare in:

    1. Sblocco Bootloader: apre la porta per la scrittura alla memoria interna del dispositivo. Ciò consente di flashare le immagini sulle principali partizioni del telefono cellulare.
    2. Installazione di una Custom Recovery: una custom recovery è flashata sulla partizione di ripristino del dispositivo e sovrascrive la recovery stock che esiste per impostazione predefinita. La custom recovery aggiunge molteplici funzionalità e vi darà la possibilità di eseguire wipe, installare zip mediante flash, creare backup completi NAND (Nandroid backup), e varie altre funzioni. È necessario sbloccare il bootloader per installare una custom recovery.
    3. Root: È possibile ottenerlo flashando una custom ROM pre-rootata o flashando uno zip contenente i file binari SuperSU. È necassaria una custom recovery per farlo.


    Dopo aver completato questi passaggi il telefono sarà rootato, avrà una custom recovery installata, e il bootloader sarà sbloccato. Questo, a nostro avviso, è il metodo più pratico e utile per attivare i permessi di root. Vi darà una conoscenza di base di adb / fastboot, e si spera, dovrebbe aiutarvi ad avere una comprensione decente di quello che sta succedendo. Questo metodo funziona indipendentemente da quale versione di Android di cui il telefono è dotato.

    Se siete confusi per qualsiasi cosa di questa guida, si suggerisce vivamente di chiedere chiarimenti prima di agire. Postate la vostra domanda in questa discussione e noi o qualcun altro probabilmente risponderà. Inoltre vi suggeriamo di leggere su tutto il thread un paio di volte prima di poter realmente fare qualsiasi cosa al telefono.

    Chiaro? Bene ... cominciamo.


    Setup, Preparazione e prerequisiti

    Attività di base che possono essere richiesti in questa guida:

    • Aprire un prompt dei comandi - Premere Maiusc + click destro in qualsiasi punto dello schermo e selezionare Apri finestra di comando qui.
      Cattura 4.PNG
    • Avviare in modalità fastboot - Spegnere il telefono. Tenere premuto il tasto volume su + power fino a visualizzare la schermata "fastboot". [In alternativa, se Riavvio avanzato è stato attivato, è possibile premere Riavvia -> Bootloader dal menu di riavvio.]
    • Entrare in modalità recovery - Spegnere il telefono. . Tenere premuto il tasto volume giù + power fino a visualizzare il "Logo OnePlus". [In alternativa, se Riavvio avanzato è stato attivato, è possibile premere Riavvia -> Recovery dal menu di riavvio.]


    Installazione ADB e Fastboot

    1. Scaricare l'ADB per Windows da qui:
    https://drive.google.com/open?id=0B0MKgCbUM0itNVB1elljU2NPR0k
    2. Eseguire il file .exe scaricato da sopra come amministratore.
    3. Premere 'Y' ogni volta che il programma di installazione richiede.
    4. Procedere con l'installazione del driver.​

    Ora, ADB e Fastboot sono stati installati sul PC. Grande!


    Alcune cose importanti

    • Mostra estensioni dei file - Aprire una finestra del computer. Vai alla scheda Visualizza e seleziona la casella "estensioni nomi file". Questo aiuterà a evitare confusione quando si rinominano i file. Se da fastitdio una volta concluso il procedimento si potrà deselezionarlo.
    • Batteria - Assicurarsi che il telefono sia dotato di almeno il 60% di batteria rimanente, e che il PC sia collegato e non venga spento spontaneamente durante il processo. La procedura non richiede molto tempo, ma è meglio avere abbastanza carica nel caso qualcosa vada storto.
    • Backup (opzionale) - Sbloccando il bootloader verranno cancellati completamente tutti i dati dal dispositivo. Questo include le applicazioni, le impostazioni e anche il contenuto della scheda SD interna (immagini, musica, ecc). Copiare tutti i file importanti dal telefono su un PC o di caricarli su un cloud.
    • USB Debugging - Sul telefono andare su Impostazioni> Info sul telefono> Toccare il numero di build 7 volte. Ciò consentirà di attivare le Opzioni sviluppatore. Ora torna a Impostazioni> Opzioni sviluppatore> Attiva il debug USB
      Screenshot_20161010-153624.png
    • Abilita Sblocco OEM - Sul telefono andare in Impostazioni> Opzioni sviluppatore, poi abilitare l'opzione “sblocco OEM”. Inoltre, un consiglio, assicurarsi che da ora in poi, l'opzione sblocco OEM sia attivato prima di riavviare. A volte, potrebbe accadere che venga disabilitato.
    • Abilita riavvio avanzato - Sul telefono andare in Impostazioni> Opzioni sviluppatore. Poi abilitare l'opzione “riavvio avanzato”.
      Screenshot_20161010-153611.png

    Download
    Scaricare una custom recovery e SuperSU.zip qui sotto.
    Posizionare i file nella cartella C:\adb.

    TWRP:
    TWRP ufficiale

    TWRP di Grarak

    TWRP CON FIX (consigliata)

    OnePlus 3 Recovery originale

    Root:

    SuperSU



    1. Sblocco Bootloader

    • Spegnere il telefono. Poi avviare in modalità fastboot tenendo volume su + power. Il telefono visualizzerà il testo "fastboot" indicando che è entrato con successo la modalità fastboot.
    • Collegare il telefono al PC, quindi aprire una finestra del prompt dei comandi all’interno della cartella C:\adb (Maiusc + tasto destro del mouse -> Apri Finestra di comando qui) e digitare (o incollare):
      Code:
      fastboot devices
    • Questo comando elencherà i dispositivi collegati. Se viene mostrato il numero di serie si può continuare. Se il telefono non è elencato ciò indica che i driver non sono installati correttamente. Al fine di poter continuare è necessario correggere i driver in modo che il telefono venga elencato sotto dispositivi fastboot.
    • Se il telefono è stato riconosciuto dal comando sopra, procedere allo sblocco del bootloader con il seguente comando:
    • Ricordate che questo passo dovrebbe eliminare tutto il contenuto del telefono
      Code:
      fastboot oem unlock
    • Dopo che il comando di cui sopra ha terminato l’esecuzione, eseguire il seguente
      Code:
      fastboot reboot

    Ora, il telefono si riavvierà. Continuare con il passaggio successivo per l'installazione della custom recovery...

    Attendere che il telefono sia completamente avviato in Android, quindi settare nuovamente le seguenti impostazioni del telefono:

    • USB Debugging - Sul telefono andare su Impostazioni> Info sul telefono> Toccare il numero di build 7 volte. Ciò consentirà Opzioni sviluppatore. Ora torna a Impostazioni> Opzioni sviluppatore> Attiva il debug USB
    • Abilita Sblocco OEM - Sul telefono andare in Impostazioni> Opzioni sviluppatore. Poi abilitare l'opzione “sblocco OEM”. Assicurarsi che da ora in poi, l'opzione sblocco OEM sia attivata prima di riavviare. [Probabilmente, sarà già abilitato dai passaggi precedenti, perciò non ci sarà nessuna necessità di disabilitarlo e riabilitarlo.]
    • Abilita riavvio avanzato - Sul telefono andare in Impostazioni> Opzioni sviluppatore. Poi abilitare l'opzione “riavvio avanzato“.
    Cattura 5.PNG Cattura 6.PNG WhatsApp Image 2016-10-11 at 14.45.51.jpeg WhatsApp Image 2016-10-11 at 14.45.51(2).jpeg
     
    Last edited by a moderator: Nov 30, 2016

    #1
  2. SteakHutzee Oct 11, 2016

    SteakHutzee, Oct 11, 2016 :
    2. Flashare TWRP

    • Spegnere il telefono. Poi riavviare in modalità fastboot tenendo volume su + power.
    • Rinominare il file della recovery che si è scaricato prima in recovery.img. * Assicurarsi di rinominare in recovery.img NON recovery.img.img *, assicurarsi che questo file sia posizionato nella cartella C:\adb.
    • Aprire un nuovo prompt dei comandi all’interno della cartella C:\adb ed eseguire i seguenti comandi:
      Code:
      fastboot flash recovery recovery.img
    • Una volta che il flash è completato, non utilizzare il "Fastboot Reboot" ma scollegare il telefono quindi eseguire manualmente l'avvio in recovery, mantenendo premuto power + Volume Giù.
    • In TWRP, selezionare Riavvia e quindi selezionare Sistema. Ora si avvierà il telefono.
    Cattura 7.PNG Cattura 8.PNG Screen 1.jpeg Screen 2.jpeg
    Così, ora, è giunto il momento di fare ciò che vogliamo raggiungere attraverso tutto questo: il root.

    Ma, prima ancora, eseguire un Nandroid Backup.

    3. Fare un Nandroid Backup
    Attenzione: prima di effettuare un backup con TWRP è necessario rimuovere tutta la sicurezza lockscreen. Se non si esegue questa operazione non sarà in grado di sbloccare il dispositivo dopo aver ripristinato il backup (inserendo il pin comparirà un messaggio "PIN errato"), sarete costretti ad eseguire un ripristino di fabbrica per l'avvio in Android. Per rimuovere la protezione lockscreen andare in Impostazioni> Sicurezza> e impostare su “nessuno”.

    Un Nandroid Backup è una cosa molto importante da avere prima di installare qualsiasi software personalizzato sul dispositivo. E 'fondamentalmente un backup del vostro sistema di scorta sul quale ripiegare se qualcosa va storto o se si desidera solamente la ROM stock. È inoltre possibile utilizzare Nandroid Backup per creare una copia di backup della vostra ROM preferita configurata esattamente nel modo in cui ti piace. Il backup creato può essere facilmente ripristinato utilizzando lo strumento di ripristino nella recovery TWRP.

    1. Avviare in TWRP Recovery.
    2. Vai nel Menu Backup e selezionare tutte le partizioni elencate.
    3. Swipe per avviare il Backup. Il processo richiederà qualche minuto.
    4. Reboot

    4. Root

    Ora che il telefono ha un bootloader sbloccato e una custom recovery installata, si hanno due opzioni per ottenere il root (Scegli uno o l'altro. Non c'è bisogno di fare entrambe le cose.).

    Opzione A) Flashare i binari SuperSU che vi darà il root con la ROM stock

    • Assicurati di aver scaricato lo zip SuperSU dai download nella sezione precedente. Collegare OP3 al PC e inviare SuperSU al telefono. Tieni bene a mente il percorso in cui è stato messo.
    • Spegnere il telefono e avviare in modalità recovery tenendo premuto volume giù + power.
    • Installa> individuare SuperSU zip e selezionarlo
    • Swipe per confermare l'installazione. Quindi riavviare.
    Screen 3.jpeg Screen 4.jpeg Screen 5.jpeg Screen 6.jpeg

    Opzione B) Flashare una custom ROM pre-rootata

    • Si fa presente che non tutte le custom ROM sono prerootate, tuttavia la maggior parte di esse lo sono. È fondamentale informarsi nel thread di riferimento della ROM stessa.
    • Copiare una custom ROM (potete trovarne nella sezione OnePlus 3 ROMs, Kernels, Recoveries, & Other Development di XDA o nella sezione Custom OP3 Software di questo Forum) sul telefono (ricordare la posizione di dove si è copiata)
    • Spegnere il telefono e avviarlo modalità recovery tenendo volume giù + power. Per installare una custom ROM la procedura generale da seguire è: wipe Dalvik + System + dati + Cache, Flash ROM, flash Gapps.
    • Wipe> Wipe Avanzate> Selezionare Dalvik + Sistema + dati + Cache> Swipe per pulire
    • Installa> individuare il percorso in cui si è precedentemente copiato la ROM e selezionarla> Swipe per confermare l'installazione
    • Installare Gapps utilizzando lo stesso procedimento della ROM, quindi riavviare.

    Tenete a mente che il primo avvio dopo l'installazione di una custom ROM e la pulizia del telefono, potrebbe richiedere più tempo del solito, poichè il telefono avrà bisogno di ricostruire la cache Dalvik e inizializzare altre cose al primo avvio.

    Congratulazioni! Questo è tutto! Il telefono ha un bootloader sbloccato, una custom recovery installata ed è rootata.

    La prima cosa che ti consigliamo di fare ora è quello di prendere il backup EFS e salvarlo su PC, cloud, NAS, server, chiavette, dischi rimovibili e microsd sottocutanee. È molto importante.


    5. Fare un backup EFS

    Troppo spesso, abbiamo visto persone che hanno danneggiato o eliminato la partizione EFS. Questo si traduce nella perdita del vostro IMEI e azzerata l'attività cellulare sul dispositivo. Risolvere il problema può essere realmente una valle di lacrime, e alcune persone non sono state in grado di risolvere il problema completamente. Si può prendere una misura precauzionale per salvaguardare se stessi contro questo perdendo un paio di minuti per eseguire il backup dei file modemst.

    1. Aprire emulatore di terminale sul telefono (se non lo avete potete scaricarlo qui).
    2. Una volta che è aperto sarete accolti da un riga di comando, in cui è possibile inserire i comandi di testo, la prima cosa che devi fare è abilitare l'accesso root inserendo questa linea (premere il tasto Invio sulla tastiera dopo ogni comando per conferma):
      Code:
      su
      Se questa è la prima volta che hai usato un emulatore di terminale superuser o SuperSU apparirà un popup, assicurarsi che si concede l'accesso root.
    3. Ora inserite questi due comandi:
      Code:
      dd if=/dev/block/sdf1 of=/sdcard/modemst1.bin bs=512
      Code:
      dd if=/dev/block/sdf2 of=/sdcard/modemst2.bin bs=512

    Questo metterà due file (modemst1.bin & modemst2.bin) sulla memoria interna. Assicurati di copiarli sul PC e da altre parti subito in modo da avere un backup da utilizzare se è necessario ripristinare in futuro.

    Questo è tutto !! In caso si fosse necessario ripristinare Nanroid o EFS backup, vedere il post successivo.

    6. Ripristino di un Nandroid Backup
    Se ti è capitato di dimenticare di rimuovere la protezione lockscreen (PIN / sequenza / impronte digitali) prima di creare il backup, e non si può entrare nel vostro sistema operativo dopo il ripristino, è possibile effettuare le seguenti operazioni per risolvere il problema.

    Avviare in TWRP e utilizzare il built nel file manager per eliminare /data/sytem/locksettings.db. Questo dovrebbe essere sufficiente per entrare di nuovo nel vostro sistema operativo. Se non è si può anche provare l'eliminazione di /data/system/locksettings.db-shm e /data/system/locksettings.db-wal.

    Se questo ancora non risolve il problema è possibile eliminare /data/system/gatekeeper.password.key e /data/system/gatekeeper.pattern.key
    1. Riavviare il telefono e (se hai impostato un PIN) immetterlo per sbloccarlo ancora una volta. Dopo di che si può semplicemente sbloccare il telefono con uno swipe.
    2. Andate in Impostazioni> Sicurezza e impostare di nuovo il metodo di sblocco preferito, Android vi chiederà se si desidera impostare un codice di sblocco.

    1. Avviare in Recovery TWRP.
    2. [Solo e soltanto se si desidera ripristinare /system e /data dal backup] Wipe> Wipe Avanzato> Seleziona Dalvik + System + dati + Cache> Swipe per pulire. Torna alla pagina iniziale di TWRP.
    3. Vai nel menu ripristino e selezionare il backup che si desidera ripristinare.
    4. Selezionare le partizioni da ripristinare.
    5. Swipe per ripristinare. Il processo richiederà un po’ di tempo.
    6. Reboot

    7. Ripristino di un backup EFS

    Se per caso si finisce con una partizione di EFS corrotta tutto quello che dovete fare è flashare di nuovo i file sul vostro dispositivo tramite fastboot.

    1. Avvio in modalità fastboot (power + volume su) e collegare il telefono al PC tramite cavo USB.
    2. Aprire una finestra di comando nella cartella in cui sono stati memorizzati i file modemst1.bin e modemst2.bin
    3. Questi sono i comandi fastboot per ripristinare i file:
      Code:
      fastboot flash modemst1 modemst1.bin
      Code:
      fastboot flash modemst2 modemst2.bin
    4. Riavviare il dispositivo.
      Code:
      fastboot reboot

    Ora scollegare il telefono dal PC. Spero che il vostro IMEI sia tornato.

    8. Tool che rende inutile tutto lo sbattimento finora scritto.

    E' così semplice che vi aggiungo il link di @ahmedradaideh a XDA, il thread in questo forum e il video su YouTube, il resto lo lascio a voi. ;)
    @pablomoreno segnala anche il thread di XDA con il tool di @mauronofrio.
    Altro tool utile all'automazione e semplificazione delle procedure:
    https://forums.oneplus.net/threads/...very-drivers-bootloader-32-bit-64-bit.590277/
    :):):)
     
    Last edited by a moderator: Aug 4, 2017

    #2
  3. SteakHutzee Oct 11, 2016

  4. pablomoreno KitKat Moderator Oct 11, 2016

    Last edited: Oct 11, 2016

    #4
  5. markini Nougat Oct 11, 2016

  6. SteakHutzee Oct 11, 2016

  7. markini Nougat Oct 11, 2016

    markini, Oct 11, 2016 :
    per te ..modifichiamo il titolo ,noo?!! :D
     
    Last edited: Oct 11, 2016

    #7
  8. Andrea224 Ice Cream Sandwich Oct 11, 2016

    Andrea224, Oct 11, 2016 :
    @SteakHutzee Grazie per il tempo speso nello scrivere tutto ciò. Prima o poi torna sempre utile una guida in ITA, soprattutto per chi non ne sa un tubo (non nel mio caso).
     

    #8
    Deactivated User likes this.
  9. G_daniele_scichilone_Ext Donut Oct 12, 2016

    G_daniele_scichilone_Ext, Oct 12, 2016 :
    Grazie, ho molto da leggere e imparare pero' potrò anch'io povero neofita far diventare il mio tanto atteso OP3 soft gold preso ieri per estrema fortuna e perseveranza.Sara' tanto utili a tanti come me che vogliono iniziare a smanettare un po'. Ancora grazie
     
    Last edited: Oct 12, 2016

    #9
    Deactivated User likes this.
  10. SteakHutzee Oct 24, 2016

  11. pablomoreno KitKat Moderator Oct 25, 2016

    pablomoreno, Oct 25, 2016 :
    Approfitta della tua poltrona in prima fila per segnalare la discussione sui profili d'uso per i custom Kernel
     

    #11
    Deactivated User likes this.
  12. edudan22 Cupcake Nov 1, 2016

    edudan22, Nov 1, 2016 :
    Se do il comando "fastboot devices" il prompt non mi da niente.
    Se do il comando "adb devices" mi da la lista dei dispositivi vuota.
    Ho provato a disinstallare e re-installare i driver, oltre che a riavviare il pc, ma niente...
    Quale può essere il problema?
     

    #12
  13. SteakHutzee Nov 1, 2016

    SteakHutzee, Nov 1, 2016 :
    Opzionisviluppatore> Attiva il debugUSB

    Fatto?
     

    #13
  14. edudan22 Cupcake Nov 1, 2016

    edudan22, Nov 1, 2016 :
    Si...Le ho provate tutte ma niente.
    Quando il dispositivo è acceso normalmente e do il comando "adb devices" viene riconosciuto, appena va in fastboot mode non viene riconosciuto, se do direttamente il comando "fastboot oem unlock" mi da "<waiting for any device>" ma non lo riconosce.
    Ho provato a reinstallare i driver, riavviare il pc, di tutto...
    Assurdo.
    Suggerimenti?
     

    #14
  15. SteakHutzee Nov 1, 2016

    SteakHutzee, Nov 1, 2016 :
    Da dove hai aperto il prompt dei comandi? Curiosità...
     

    #15
  16. edudan22 Cupcake Nov 1, 2016

  17. edudan22 Cupcake Nov 1, 2016


    #17
  18. SteakHutzee Nov 1, 2016


    #18
  19. edudan22 Cupcake Nov 1, 2016

    edudan22, Nov 1, 2016 :
    Windows 10 il pc è un Dell XPS 13 9350
     

    #19
  20. SteakHutzee Nov 1, 2016

    SteakHutzee, Nov 1, 2016 :
    Dev'esserci un problema con i driver. Prova a rifare la procedura tradizionale.
     

    #20